fbpx
Title Image

Giovanni Careccia

Giovanni Careccia, classe 1993, danzautore e performer, si diploma presso il Centro di Alta Formazione per la Danza “ArteMente” di Milano a pieni voti. Durante gli anni di formazione viene a contatto con differenti linguaggi: Batsheva Dance Company, NDT, Sidi Larbi Cherakoui, Tanztheater Wuppertal, AkramKhan Company, Sasha Waltz & Guests, ICK, Ultima Vez, MK.

A febbraio 2018 frequenta un periodo di tirocinio presso il Collettivo MoDem di “Scenario Pubblico” di Catania. Sempre nel 2018 danza per il coreografo Daniele Ninarello nella performance “ABCDE”. Successivamente lavora per Silvia Gribaudi in “#Oggièilmiogiorno” (2019) e per Sofia Nappi in “Adama” (2020). Selezionato per un progetto di Andrea Costanzo Martini, non realizzato a causa della situazione pandemica.

Dirige la sua attenzione sulla danza autoriale, ricercando sul proprio corpo e sui corpi di altri danzatori e partecipa al progetto “C.I.M.D. – Incubatore per Futuri Coreografi”.

Con il lavoro “After” debutta nel 2019 presso il Teatro India all’interno del Festival “Dominio Pubblico” e successivamente viene selezionato per i Festival “Dilemma”, “MarteLive”, “Corpo Mobile” e “CastelllinAria”. Con il solo “Tra 2000 e 6000” presenta un primo studio nel dicembre 2018 al Teatro Fontana all’interno del Festival “Più che Danza” e, nel 2019, viene selezionato per il “FLIC Festival” e per il progetto di residenze della giovane danza d’autore “CosiDanzi”; nello stesso anno realizza la performance site-specific “La Tredicesima Opera” per la mostra “Corpo a corpo” presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore. Nel 2020 realizza la performance “After All” con la quale viene selezionato per “Corpo Mobile” e vince il premio come Miglior Coreografo. Nel 2021 realizza un primo studio della performance “Golden Ratio” con la quale è inserito nel Festival “Buskers In Town”.

È responsabile della promozione e comunicazione all’interno del Centro di Alta Formazione per la Danza “ArteMente” e tra i fondatori di Milano Dancing City, progetto di avvicinamento delle persone alla danza.

Dal 2018 è danzatore stabile della compagnia Lost Movement.