Title Image

Blog

“POPoff” in scena a Novi Ligure

La compagnia Lost Movement va in scena con “POPoff” domenica 12 Marzo 2017 alle ore 21.00 presso Teatro Paolo Giacometti in Corso Piave 2 di Novi Ligure (AL). Lo spettacolo è inserito all’interno della manifestazione “Marzo Donna” organizzata dal comune di Novi Ligure per sensibilizzare sul tema della violenza sulle donne.

—————————————————

“POPoff”
Uno spettacolo di Nicolò Abbattista

Feuerbach, nel 1862, intitolava una sua opera “Il mistero del sacrificio o l’uomo è ciò che mangia” sostenendo con un materialismo radicale e anti-idealistico che noi siamo esattamente ciò che ingeriamo; è innegabile però che siamo perché mangiamo. Il cibo scandisce le nostre giornate e riveste inoltre una funzione fondamentale: ci introduce alla vita di relazione, è un modo per entrare in contatto con noi stessi e con gli altri e in questo senso contribuisce allo sviluppo della nostra identità, dei nostri saperi e del nostro modo di percepire la realtà. Così il grano, simbolo antico di rinascita e fertilità, diventa il filo con cui tessere le relazioni fra i personaggi, legame tangibile con la Natura femminea e insieme trappola mortale per l’uomo che vi si inoltra.

Lost Movement con “POPoff” cerca di rappresentare le più antiche tradizioni e riti dell’essere umano. Una tribù che si muove ai ritmi forsennati della pizzica e della taranta, dove l’individuo esplora sé stesso, l’ambiente e gli altri.

“Una storia matriarcale in cui la donna assume una posizione prevalente rispetto all’uomo, immersa in una sorta di rito familiare in cui le “femmine” si ritrovano a rievocare ma anche a rinfacciare gli eventi legati alla loro storia personale. Un’allegoria dove alla parola si sostituisce il movimento e dove tutto a un tratto si confonde: morti e vivi, passato e presente.
Un’elegia costituita da un innesto vorticoso di immagini e suggestioni, dove un grido di dolore contro la violenza, la sopraffazione si trasforma in un inno alla libertà del vivere con i suoi entusiasmi e le sue scelte d’amore grazie alla “pizzica”, un antico rituale che fa parte della famiglia delle danze di tradizione comunemente conosciute come tarantelle.”

Michele Olivieri

Interpreti: Samuele Arisci, Susanna Pieri, Chiara Borghini, Giorgia Varano, Eleonora Mongitore, Salvatore Sciancalepore, Martina Zanardi, Mattia Sala.

Musiche di Faraualla

Regia e coreografia: Nicolò Abbattista

Ingresso: 10€ (posto unico non numerato)

Info, prevendite e prenotazioni:
Biblioteca Civica
via Marconi, 66
da Martedì a Venerdì 15.00/18.30 – Sabato 10/12.30
tel. 347/0580385